martedì 7 marzo 2017

Le ragazze vogliono la luna di Janet McNally - Recensione



Le ragazze vogliono la luna
Janet McNally

Genere: Young Adult
Editore: DeAgostini
Prezzo: Cartaceo 14,90€ - Ebook 6,99€
Serie: Autoconclusivo
Pubblicato: 28 Febbraio 2017

Trama: Ci sono estati che lasciano il segno. Estati che cambiano la vita. Per sempre. È esattamente quello che è successo a Phoebe, diciassette anni e un segreto ben custodito. Lo stesso segreto che ha distrutto il legame con la sua migliore amica e che ha mandato all'aria l'unica possibilità con il ragazzo per cui ha una cotta colossale. Ma Phoebe è abituata ai segreti. Perché tutti nella sua famiglia ne hanno uno. Tutti hanno qualcosa da nascondere: sua sorella Luna, che se n'è andata a Brooklyn per inseguire un sogno, suo padre Kieran, che se n'è andato e basta. E poi sua madre Meg. È lei la vera bugiarda di professione. Ex rock-star, Meg non ama rivangare gli anni in cui ha viaggiato per il Paese insieme alla sua band, mietendo un successo dopo l'altro. E soprattutto non ha nessuna intenzione di spiegare alle figlie il motivo per cui, da un momento all'altro, ha messo fine alla carriera e al proprio matrimonio. Eppure Phoebe non è il tipo che si arrende. Decisa a ritrovare le tessere mancanti del passato della sua famiglia, raggiunge Luna a New York. E, in un'estate magica, indimenticabile, tra musica indie, notti insonni e amori impossibili, si mette alla ricerca. Della verità e anche un po' di se stessa.


Recensione

Si, non state sognando, sono proprio io che sto scrivendo una recensione su un libro Young Adult e questo non accade spesso.
Trovo che in giro ci siano pochi bei romanzi di questo genere, di solito mi appaiono tutti futili e banali e non mi lasciano granchè.
Quello che mi ha attirato più di questo libro è che dalla trama si evince che è un romanzo adatto a tutti, uno di quei libri che leggi in pochissimo tempo ma che nonostante tutto ti insegna qualcosa.
Ho letto in giro che Le ragazze vogliono la luna è considerato un vero e proprio romanzo di formazione e io non potrei che essere più d'accordo.


Tutti quanti abbiamo qualcosa che ci pesa. Una cosa che continua a spezzarci per quanto cerchiamo di rimanere interi.

Quello che ha da sempre spezzato Phoebe è vedere la sua famiglia divisa, essere riconosciuta da tutti come la figlia dei Ferris, la band più famosa degli anni novanta, e soprattutto vedere sua madre rinnegare il suo passato da musicista e far finta che tutto ciò non sia mai accaduto.
Crescere in una famiglia in cui parlare del passato è un tabù è stato estremamente difficile,...Quando le persone le chiedevano come potesse essere crescere con due genitori così famosi, in quel momento era anche lei stessa a chiederselo.
Infatti, nonostante Kieran, il papà di Phoebe, abbia continuato la sua carriera da solista, lei a diciassette anni non è riuscita mai ad andare ad un suo concerto e a vedere in qualche modo il suo papà nel suo ambiente naturale.
Le occasioni per conoscerlo un po’ meglio sono state troppo rare ed ormai sono tre anni che non ha più sue notizie se non dai tabloid che annunciano che un suo album musicale è appena uscito.
Phoebe quando parte per New York per andare a trovare sua sorella Luna ha con sé una valigia piena di sogni, ed il sogno più grande è quello di scoprire come mai suo papà sia sparito all’improvviso e soprattutto cercherà di venire a capo della verità, vorrà ricostruire in qualche modo la storia della sua famiglia.
Le ragazze vogliono la luna è la storia di una famiglia dai mille segreti, una famiglia durata troppo poco e spezzata dallo stesso successo che l’aveva fatta nascere.

Proprio quando hai appena perso te stesso, ovunque tu sia stato, arriverai alla fine e ti ritroverai, pronto a cominciare. 

Una storia divisa fra passato e presente, la verità verrà raccontata da Phoebe e da Meg, la mamma e, grazie a lei, scopriremo la storia della band e soprattutto la storia del suo amore.
Un amore che fin da subito è stato folle, negli anni hanno bruciato le tappe, sono cresciuti e questo li ha divisi sempre di più. Se Kieran puntava al successo, Meg era stanca di quel mondo fatto di paillettes e lustrini.
Le ragazze vogliono la luna ci mette di fronte ad una dura realtà, quella dove non sempre tutto finisce bene e che l'amore non può superare tutto.

Questa è una storia semplice, se dovessi riassumerla in due parole vi direi che si parla di musica e di tanti segreti, segreti che però forse hanno un po' tutte le famiglie.
La musica è un elemento costante in questo racconto e non potrebbe essere altrimenti, però c'è una cosa che mi sento in dovere di puntualizzare... Io non sono un'amante della musica, non seguo nessuno, non possiedo un patrimonio culturale musicale e semplicemente ascolto qualcosina qui e lì, e per questo motivo quando in un libro si parla molto di quest'ultima mi annoio, e anche tanto. Tuttavia non mi è capitato leggendo questo libro, trovo che il tutto sia stato raccontato in maniera sublime e che le colonne sonore che hanno accompagnato tutto il racconto hanno permesso al lettore di immergersi completamente nella storia.

Questo libro mi è piaciuto molto, mi ha colpito nella sua semplicità, non mi è risultato banale ma c'è qualcosa che non ha funzionato, il finale.


Avrei preferito che mi fosse raccontato un po' di più, scoprire come si sarebbero risolte le varie cose ed invece mi sono ritrovata a leggere i ringraziamenti, non mi ero nemmeno accorta che il libro fosse terminato.
Sul finale non ci siamo proprio per niente, mi ha rovinato un po' tutto il libro, ed è per questo motivo che, anche se lo trovo un buon romanzo, non posso promuoverlo a pieni voti.





VOTO:

2 commenti:

  1. Ho giusto pubblicato la recensione cinque minuti fa (se ti interessa la trovi qui: http://lovingbooks89.blogspot.it/2017/03/recensione-le-ragazze-vogliono-la-luna.html) e a me non mi è piaciuto xD A parer mio non conclude nulla, non si sa cosa farà con la migliore amica, se vorrà lavorare nel campo della musica, se ricucirà i rapporti con suo padre (Ma poi vogliamo parlare del povero Ben?! Cioè solo io ci penso?! AHAHAHA), il nulla più totale, poi vabbè, io non l'ho proprio sopportata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado subito a leggere la tua recensione ahahaha
      Comunque anche io ho pensato a Ben, mi è dispiaciuto, sembrava il giocattolino che entrambe le amiche si contendevano.

      Elimina